• cristinaleocata

IL REGISTA IN PRIMO PIANO: TIM BURTON

Aggiornamento: nov 10


Visita il sito:

www.timburton.com


Biografia Tim Burton (blog)
.pdf
Download PDF • 302KB


PERCORSI LABORATORIALI

INDICE:

a) BULBO OCULARE

b) RAGAZZI SPECIALI

c) FRANKENWEENIE

d) SLEEPY HOLLOW

e) EDWARD MANI DI FORBICE

f) BIG EYES




VINCENT

IL CORTOMETRAGGIO D'ESORDIO

Tim Burton non ha mai fatto mistero della sua passione per lo scrittore Edgar Allan Poe e per l’attore Vincent Price, che all’inizio degli anni sessanta ottenne una serie di successi in pellicole a basso costo, dirette da Roger Corman e prodotte dall’American International Pictures (AIP), compresi gli adattamenti di Edgar Allan Poe I vivi e i morti (1960), Il pozzo e il pendolo (1961), I racconti del terrore (1962), I maghi del terrore (1963), La maschera della morte rossa (1964) e La tomba di Ligeia (1965).


Vincent Malloy sogna ossessivamente di essere l’attore Vincent Price e i suoi sogni mettono in allerta sua madre, che ne è preoccupata. La sua mente, non distingue più il mondo reale dal mondo creato dalla sua fantasia, e vive perso nella realizzazione dei vari ruoli del suo attore ammirato, soprattutto quelli ispirati alle opere di Edgar Allan Poe. Il protagonista del film, immerso in una vita cupa e malinconica, si isola e finisce per rimanere solo ed escluso dagli altri.




a) BULBO OCULARE

Professoressa C.Leocata

A.S.2020-2021 - I.C.6 Bologna


L’organo della vista, mezzo per eccellenza della conoscenza (specie nel nostro secolo), diviene simbolo e sede di significati particolari, nonché chiave d’accesso di un regno altro dal mondo, meraviglioso e al contempo tremendamente inquietante.

In tutte le opere di Timothy William Burton i protagonisti hanno occhi grandi, spalancati, privi di palpebre; sono occhi perfettamente circolari, che coprono la maggior parte del viso, obbligando lo spettatore a travalicarli, introiettandolo in un universo parallelo.

Il cinema di Tim Burton è sempre stato al centro dell'attenzione di critici e pubblico facendolo emergere come un'icona del cinema dark alternativo, fatato e visionario.

È un poeta malinconico e struggente che ha cantato e ha dato voce al bisogno di amore di esclusi e incompresi con impareggiabile dolcezza.



IL LIBRO:

"Morte malinconica del bambino ostrica"


Sotto: La bambina che fissava "Staring Girl"

"I once knew a girl

who would just stand there and stare.

At anyone or anything,

she seemed not to care.

She'd stare at the ground,

She'd stare at the sky.

She'd stare at you for hours,

and you'd never know why.

But after winning the local staring contest,

she finally gave her eyes

a well-deserved rest."

-T.B.-

Ventitré piccole storie in rima compongono questo libretto del visionario cineasta, accompagnate da disegni - teneri e drammatici ad un tempo - di cui lui stesso è autore. Personaggi grotteschi, malinconici, fiabeschi, spesso tristi, protagonisti di storie di amore e morte declinate in maniera surreale sempre al limite dell’horror.



La galleria dei lavori

Settembre 2020

I.C.6 Bologna - Prof.ssa C.Leocata


FASE 1



FASE 2


FASE 3


Sotto: Witch

Storyboard - Tim Burton

Dal film "Big Fish"

"Edward incontra la strega, che gli mostra come sarebbe morto nel suo occhio di vetro."



b) RAGAZZI SPECIALI

"LA CASA DEI RAGAZZI SPECIALI DI MISS PEREGRINE": Intervista a Tim Burton

Sotto: "Un macabro banchetto di occhi"

Storyboard - Tim Burton

"Miss Peregrine. La casa dei ragazzi speciali"

Book trailer

"Miss Peregrine. La casa dei ragazzi speciali"

di Ransom Riggs

Chi ha amato la trilogia degli speciali e della carismatica Miss Peregrine, non può non avere questo libro “spin-off” della saga.

Innanzitutto perché sono i racconti degli speciali che hanno fatto la storia (come la nascita della prima "ymbrine": donna uccello), poi perché il libro risulta curato dal ragazzo invisibile Millard Nullings, studioso, all’interno della saga, della storia degli speciali, infine perché ci sono le bellissime incisioni di Andrew Davidson.

Tre buone ragioni per non farselo scappare, dato che in libreria è passato un po’ in sordina rispetto agli altri tre libri e alla fama che ha raggiunto la saga dopo l’uscita del film di Tim Burton.



Storie dal sapore antico che sfociano nel racconto popolare, racconti che parlano di speciali del passato che hanno fatto cose così grandiose da essere ricordati dai posteri della loro razza.


Storie di cannibali, domatrici di incubi, donne serpente, ymbyne e speciali dai poteri straordinari che vi terranno incollati fino all’ultima pagina.

Sopra: lavoro realizzato con tavoletta grafica da Ada C., IIIE - A.S.2020/21



- GENNAIO 2021 -

LABORATORIO:

"LIBRETTI SPECIALI"



c) FRANKENWEENIE

Il film in STOP MOTION

Frankenweenie è un film d'animazione del 2012 diretto da Tim Burton. Realizzato in 3D, il film è l'adattamento in stop motion di un cortometraggio omonimo realizzato dallo stesso Burton nel 1984, chiaramente ispirato al romanzo Frankenstein di Mary Shelley. Il film fu candidato ai Premi Oscar 2013 come miglior film d'animazione.



CINEFORUM 2020

CON LE CLASSI SECONDE E TERZE

(dell'I.C.6 di Bologna)

d) "EDWARD MANI DI FORBICE"

Regia di Tim Burton – USA 1990

Con Johnny Depp (Edward), Winona Ryder (Kim), Vincent Price (Inventore)


Edward è un personaggio complesso, a molti è sembrato il simbolo dell'artista romantico, colui che, impossibilitato a comunicare con il resto del mondo, lascia una traccia di sé grazie alle sue opere d'arte e preferisce fuggire e cercare la propria salvezza lontano dalla realtà da cui è incompreso ed oppresso, lontano da tutto ciò che è "normale", per andare a rifugiarsi in un universo frutto della sua fantasia. Edward è anche l'emblema di un certo cinema horror, quello di Dracula, Frankenstein, King Kong, esseri mostruosi che sempre hanno spopolato sugli schermi cinematografici sin dagli anni '30. Figure dalle orribili fattezze capaci di spaventare un pubblico che non riesce ad andare oltre le apparenze (e questo è il vero orrore!) e non si rende conto che i protagonisti di quelle strane vicende sono mossi da sentimenti puri e ingenui come la smania di essere accettati dalla società e il desiderio di inseguire un sogno d'amore per il quale si sacrificano. Edward siamo tutti noi nei momenti di solitudine quando ci sentiamo dimenticati, non amati e restiamo, nella migliore delle ipotesi, invisibili ad una folla egoista e ipocrita che ci rifiuta se non assecondiamo i suoi dettami.



IL LABORATORIO

I ragazzi di seconda e terza, dopo la proiezione del film, hanno espresso le loro considerazioni (che potrete leggere nei prossimi giorni) e hanno inventato un capo di abbigliamento dedicato alla storia.



(A destra, lavoro di: Alessio P. IIID)

Sopra lavori di: Alessio P. IIID, Michela I. IIID, Marco J. IIID, Riccardo C. IIID, Agnese D.B. IIID, Riccardo C. IIID, Luigi V. III D, Ester S. IIID, Giulia C. IIE.



GENNAIO 2021

IN ARRIVO

IL LABORATORIO DEDICATO ALLA

e) LEGGENDA DI SLEEPY HOLLOW

La leggenda di Sleepy Hollow (The Legend of Sleepy Hollow), anche conosciuto come La leggenda della valle addormentata, è un racconto dello scrittore statunitense Washington Irving raccolto nell'antologia "Il libro degli schizzi" (The Sketch Book of Geoffrey Crayon). Fu scritto a Birmingham in Inghilterra e pubblicato per la prima volta nel 1820.

La leggenda di Sleepy Hollow è presto diventato un racconto amatissimo tra i lettori di tutto il mondo e di tutte le età, ed è stato fonte di ispirazione per un celebre film di Tim Burton.


Le avventure di Ichabod e Mr. Toad (The Adventures of Ichabod and Mr. Toad)

è un film Disney, del 1949, diretto da Jack Kinney, Clyde Geronimi e James Algar

"...Il fantasma di uno spaventoso cavaliere senza testa si aggira a notte fonda per la valle di Sleepy Hollow, sul fiume Hudson. Ma al maestro Ichabod Crane, protagonista di questa storia, interessa solo corteggiare e sposare la bella Katrina, la cui dimora è stracolma di ricchezze. L'incontro con il cavaliere senza testa porterà a un tragicomico e inaspettato finale..." (Età consigliata: dai 6 anni)


Il mistero di Sleepy Hollow (Sleepy Hollow) è un film del 1999 diretto da Tim Burton, liberamente ispirato al racconto La leggenda di Sleepy Hollow di Washington Irving.

Il film ebbe un grande successo, ritenuto da molti critici e fan di Burton tra i suoi film meglio riusciti, grazie anche al suggestivo impianto visivo dove spicca la scenografia di Rick Heinrichs premiata con l'Oscar.

Età consigliata dai 14 - 15 anni (dopo avere chiesto il parere dei genitori)



"STEAMPUNK"

Come sarebbe stato il passato se il futuro fosse arrivato prima.

Lo steampunk (“steam” significa vapore, fonte energetica tipica della Rivoluzione industriale) gioca con anacronismi e tecnologie, immaginando “come sarebbe il passato se il futuro fosse accaduto prima”.

La Londra vittoriana è l’ambientazione favorita dagli autori steampunk, che popolano la città di automobili a vapore e computer con tastiere in ottone e cuoio.

Nato a cavallo fra gli anni Ottanta e Novanta, lo steampunk è un movimento artistico e culturale che ha come precursori letterari Jules Verne ("Ventimila leghe sotto i mari").


Il taumatropio

In inglese thaumatrope, dal greco "girare delle meraviglie", è un gioco di epoca vittoriana, la cui invenzione è attribuita a Mark Roget, nel 1824.

Taumatròpio = strumento inventato nel 1825, basato sul principio della persistenza delle immagini sulla retina dell’occhio: consiste in una specie di disco fornito di un cordoncino alle due estremità del diametro; sulle due facce sono rispettivamente disegnati due oggetti le cui immagini, ruotando rapidamente il disco attorno al proprio diametro, si fondono sovrapponendosi.









1,171 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

A come ALBERO